Pubblicato da Simona Valentini il 27 Gennaio 2018

La dieta giusta per me! Tra passa parola e mass media

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dimagrire non è sempre sinonimo di esser sani! Perdere peso con una dieta “presa in prestito” potrebbe non essere una buona scelta.

Perché?

Perdere peso non vuol dire necessariamente dimagrire, ovvero perdere massa grassa! Spesso perdiamo solo liquidi (i primi due chili) o massa muscolare. E poi? … poi ci siamo annoiati e ricominciamo da capo in un circolo vizioso.

Le diete di moda e del passa parola

Riviste, programmi televisivi, passa parola, palestra, parrucchiere, internet sono diventati mezzi attraverso i quali ci informiamo. Sono i nuovi “luoghi” in cui discutiamo le nostre idee, ci raccontiamo, apprendiamo modi di vivere, stili con i quali abbigliarci, pettinarci, curarci e anche nutrirci!
Tante volte negli spogliatoi della palestra ci lamentiamo dei chili presi durante l’anno chiedendo conforto e consiglio alle nostre amiche/i.
C’è sempre l’immancabile passa parola di una dieta miracolosa, quella che ha fatto la cugina, la mamma, la sorella, la/il collega sempre in forma, che è sicura e che funziona in pochissimo tempo!
… quindi pronti per la prova costume in un week end o al più in un paio di settimane!
I mass media lanciano diverse proposte, le librerie sono piene di soluzioni a basso costo, quello del libro che decidiamo di comprare.

Dopotutto siamo in tempo di crisi e se non dovesse funzionare pazienza!

Perché ci si rivolge ad un professionista?

Ma sarà vero? Funziona sul serio questo miracolo?
Probabilmente per qualcuno sì, ma è possibile che per altri/e no … magari proprio per noi che ne abbiamo così bisogno.

Ricorrere ad un esperto del settore, un nutrizionista ad esempio, è una scelta sicuramente meno economica di un libro, ma è anche quella più sicura per il raggiungimento del nostro obiettivo: perdere peso e rimanere in salute!

Per chi non è del settore, le diete sono tutte uguali, la differenza sta nel quanto ci mettiamo a perdere un determinato peso, il resto non ha importanza.
Ma come la mettiamo con la salute?
Essere magri ma macilenti, oppure semplicemente deboli, stressati, scontenti, malinconici, depressi e arrabbiati non è il modo in cui possiamo godere della taglia faticosamente riconquistata!

Mangiamo perché ci piace, perché unisce, perché nutre!

Non mangiamo solo per nutrirci, vivere, procreare, lavorare, fare sport, ma anche per il nostro piacere personale: questo ci differenzia dagli animali.
La prima società è nata intorno al fuoco condividendo il pasto e la propria giornata. Questo deve farci riflettere rispetto ad alcune scelte alimentari che negano la convivialità.
Mangiare insieme non è sinonimo di mangiare piatti grassi e pesanti che minano la nostra linea. Mangiare insieme vuol dire raccontarci le nostre giornate, rilassarci, condividere uno stile alimentare sano che fa bene al corpo ma che cura e nutre anche la nostra anima.
Allontanarsi dalla tavola per paura di esagerare, per la rabbia di non poter mangiare dice molto di noi e del nostro rapporto con il cibo; ci dice che abbiamo bisogno di essere educati ad un’ alimentazione controllata, sana, nutriente e perché no, buona!

Il dopo dieta

Le diete che vanno bene per tutti, forse non vanno bene per nessuno … è una questione statistica!

Se non mangi dimagrisci, questo è sotto l’occhio di tutti, ma quando ricominci? E come si fa a ricominciare?
C’è uno schema giusto per farlo senza perdere quanto faticosamente conquistato?
Quante volte finita una dieta abbiamo ripreso tutti i chili più un bonus? Perchè?

“Il pane o la pasta o il biscotto li avevo eliminati: non posso mangiarli di nuovo! Ingrasserò di sicuro e sarà stato tutto inutile!”

Questo é un pensiero ed una paura più comune di quanto si creda!

Bisogna stare attenti alle false promesse: a volte rischiamo solo di entrare in un circolo da cui non si riesce a venire fuori dieta dopo dieta … taglia dopo taglia … fino a perdere il controllo di noi stessi e del nostro girovita!

A ciascuno il suo!

Ognuno di noi ha le sue esigenze nutrizionali, i propri gusti, i propri tempi per riattivare o alzare il metabolismo  o per abbassare le “RESISTENZE” che il proprio organismo mette in atto per aggirare una situazione che all’improvviso cambia.
Uomini e donne sono diversi per esigenze nutrizionali, così come bambini, adolescenti, adulti e anziani.
Atleti, persone attive  e sedentari, persone sane e persone con problemi di salute hanno necessità diverse. Due persone con la stessa età, stesso sesso ma con storie e stili di vita differenti non sono uguali per taglia, altezza, composizione del corpo…

Tante diete tante scelte di vita diverse. Stile di vita accelerato, informazioni pseudo-scientifiche, sbagliate, alla portata di un click, falsi miti sono alcuni degli elementi che portano a fare scelte alimentari non adatte alle nostre necessità.

#conquistare la forma perduta#dieta in prestito#mass media#nutrizionista#passa parola#paura di ingrassare#ricominciare a mangiare#saper scegliere

Commenta l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: