Pubblicato da Simona Valentini il 1 Settembre 2018

Microbiota e Sistema immunitario: i guardiani dell’organismo

 

 

 

 

 

 

Ancora lui, il microbiota!

Già! I nostri “simbionti” svolgono moltissime funzioni:

  • ci aiutano a regolare il peso corporeo (in un senso o in un altro a seconda del tipo flora batterica intestinale)
  • digeriscono cibi che noi non siamo in grado di utilizzare e digerire, come le fibre, ma non solo: il lattosio è uno zucchero che viene completamente digerito grazie ad una flora intestinale sana
  • producono vitamine che non siamo in grado di sintetizzare (K, folina, vitamine del gruppo B…)
  • proteggono l’intestino da organismi patogeni (cattivi) e istruiscono il nostro sistema immunitario

Microbiota e Sistema immunitario

Siamo legati a doppio filo con il microbiota.

Il microbiota è importante per la corretta maturazione del sistema immunitario che funziona grazie a due sistemi, adattativo e innato.

D’altra parte, l’evoluzione ha operato in modo tale che ospite e simbionte comunicassero tra loro in modo efficace ed efficiente per poter convivere e beneficiare l’uno dell’altro.

Il ruolo principale del sistema immunitario è quello di difendere l’organismo da agenti potenzialmente dannosi. Lo fa riconoscendo ciò che appartiene all’organismo stesso (il “self”) da ciò che gli è estraneo (“non self”).

La componente immunitaria adattativa ha memoria di tutti gli agenti con cui viene a contatto nel corso del tempo così da permettere una “reazione” più rapida ad un secondo incontro con gli stessi organismi. Cosa succede ai microbi che vivono nel nostro intestino? Non fanno esattamente parte del nostro corpo, ma hanno “costruito” un sistema di comunicazione bidirezionale con le cellule del sistema immunitario tale da non essere attaccate  ed essere invece riconosciute come “familiari”!

Il microbiota inoltre scambia informazioni con le cellule di difesa istruendole. Ingegnoso non trovate?

Questo però non vuol dire che la flora intestinale possa andarsene in giro per il corpo come niente fosse! Ogni microrganismo ha la propria sede e la tolleranza immunitaria vale solo se ciascuno sta al proprio posto!

Quando la flora batterica è compromessa anche il sistema immunitario entra in crisi.

Disbiosi e stato di salute

Numerosi studi hanno evidenziato che l’alterazione del microbiota, situazione nota come disbiosi, possa avere una correlazione con l’insorgenza di malattie infiammatorie intestinali e non (sindrome del colon irritabile, colite ulcerosa, morbo di Chron …), malattie autoimmuni (morbo celiaco, diabete di tipo I, artrite reumatoide, tiroiditi autoimmuni…), malattie a carico delle vie respiratorie e allergiche (asma, riniti, anche fibrosi cistica, dermatiti).

La disbiosi sembra anche essere un fattore comune in casi di Schizofrenia, Autismo, Sindrome dell’iperattività, Depressione, Fibromialgia, Sclerosi Multipla, sovrappeso e obesità…

Ovviamente avere episodi di disbiosi, non comporta come conseguenza avere problemi di salute anche gravi come quelle degli esempi elencati sopra!

L’insorgere di una patologia è legato in primo luogo ad una componente genetica, ad una familiarità per quella patologia e poi c’é anche una componente ambientale (luogo dove si vive, stile di vita condotto, tipo di flora batterica che si ha …).

Rimane comunque esperienza di tutti, che quando abbiamo la “pancia” fuori fase, ci sentiamo più deboli e poco in forma!

La relazione tra organismo e microbiota è nota da tempo, ma solo da pochi anni ci si è resi conto di quanto sia importante e complesso il sistema di comunicazione tra sistema gastrointestinale e sistema nervoso, sistema immunitario e sistema endocrino tanto da arrivare a considerare il microbiota un vero e proprio “organo”.

Tante correlazioni, una rete complessa di comunicazione continua tra batteri e organismo ospite, tante domande a cui dare risposte, tanto lavoro ancora da fare; ipotesi ed evidenze da provare … un lungo cammino per cercare di capire il “miracolo” dell’evoluzione!

Per ora è importante tenere a mente che avere una flora intestinale sana ci permette di mantenere un buono stato di salute!

L’importanza di avere un microbiota in salute!

Come si fa?

  • dobbiamo evitare di prendere antibiotici e farmaci quando non sono necessari
  • dobbiamo avere una “dieta” alimentare che incontra più possibile le necessità del microbiota stesso!

Il microbiota si nutre attraverso ciò che noi mangiamo: noi siamo la fonte di nutrimento, l’unica di cui dispone!

A seconda di cosa e come mangiamo avremo una flora microbica composta da una prevalenza di alcune specie piuttosto che da altre!

E questo fa la differenza! Siamo diversi anche per il nostro microbiota che diventa la nostra vera e propria carta d’identità e che ha tanta influenza sul nostro stato di salute, fisico e anche mentale!

Per stare bene dobbiamo far star bene la nostra “pancia”  perché non siamo soli; noi e il nostro microbiota se in armonia, siamo una bella squadra!

 

 

 

 

 

#Allergie#Celiachia#Dieta#disbiosi#evoluzione#intestino#malattie autoimmuni#malattie infiammatorie#Microbiota#Nutrizione#ospite#pancia#Salute#simbionte#sistema immunitario

Commenta l'articolo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: